Viaggio a Capo Nord: Day 1 – Fino a Bolzano

Sabato 13 Luglio
Day 01
Dopo una bella serata con gli amici del CLAN WOLLAS e del Motoclub Winter Bikers Faenza, sveglia di buon ora per finire le ultime cose.
Ho molto tempo prima del treno notturno che porterà me e la mia moto da Bolzano ad Amburgo, così decido di pranzare sul Lago di Garda insieme agli amici Bresciani! Tanto è di strada… Più o meno!

Carico tutti i bagagli, controllo di non aver dimenticato nulla (come no…) e sono pronto a partire!

Devo incontrarmi con il Vikingo, cui avevo prestato la guida Giunti per la Danimarca, e decidiamo di trovarci al solito Bar Stazione a Voltana (RA) per le 10:30.
Stranamente sono in perfetto orario, metto la moto fuori dal garage, chiudo tutto, foto di rito e poi si parte!

Nonostante la mattinata nuvolosa, ecco che esce il sole e si fa caldo, 28°-30° ma non insopportabili.

Percorro i primi dieci chilometri verso Voltana e…
“Occazzo, ma non ho messo il gilet!”
“Occazzo alla seconda, ma l’avevo lasciato sul bauletto!!!” (vedi foto)

E via, inversione di marcia e di corsa verso casa, con il timore di averlo seminato per un fosso o che ci sia passato sopra un trattore!
Entro nella carraia di casa ed è lì che mi aspetta a pochi metri dal cancello…
“Iniziamo bene dai”

Ora sì che sono a mio agio, come al solito sono in ritardo!
E si riparte, a tutto gas; quanto odio andar di corsa quando viaggio, ma cosa farci con questa sfiga maledetta?
Arrivo al bar, Viki mi consegna al volo il libro e una tozza sulla testa per il ritardo e mi augura “Buon wiaggio biker”!
Solito giro verso la provincia Bresciana: Transpolesana, pausa benza, avviso i miei amici che come al solito arrivo lungo (“Ma tu arrivi sempre lungo?!”), tratto sulla A4 e segno il mio nuovo record sulla tratta Casa-Lago…

Per fortuna ho degli amici così ammorevoli che ancora sono lì ad aspettarmi
Alla fine sono riuscito a ritardare di una sola mezz’ora!

D0102

Pranzo con gli amici a Padenghe del Gard (VR)

Pranzo, le solite chiacchiere; non mi sembra ancora di essere partito; ma, quando ci alziamo da tavola e ci salutiamo, inizio a sentire dentro quella sensazione strana all’altezza dello sterno, come se bruciasse, di quando me ne sto andando.Watch movie online Rings (2017)Watch movie online John Wick: Chapter 2 (2017)Watch movie online The Lego Batman Movie (2017)

Inforco di nuovo la moto in direzione Bolzano.
Ho tutto il tempo che voglio, così ne approfitto per percorrere le mie adorate statali Venete-Trentine, belle scorrevoli e con un magnifico panorama in mezzo all’Adige.

Prima di Bolzano mi fermo a far benzina, al solito distributore ERG lungo la strada.
Poco dopo me arriva un signorotto dai capelli bianchi, in sella ad una BMW R1200R, con qualche bagaglio e la GoPro sul casco.
“Il solito tedesco in vacanza da noi” penso.

Inizio a fare benzina, e a un certo punto mi sento picchiettare nella schiena.
Mi giro, ed è lui, il “classico crucco” che mi sta chiedendo aiuto per fare benzina!
In realtà il signore è di provenienza russa, così come la sua moto, e non riesce a capire come funziona il nostro self-service.

Ha visto che ho la patch della Russia nel gilet, scritta in cirillico, e quindi parte dal presupporto che io parli la sua linga. In russo mi dice che vuole fare “diesiatz gallon bienzin piata” (10 litri di benzina 95 ottani), ma non riesco a spiegarli che prima deve mettere i soldi nella macchinetta e poi rifornirsi.

Detto fatto, ha 10€ in mano, glieli sottraggo e vado alla macchinetta: ecco pronti, rifornito anche lui!

Certo che, cavolo, solo io posso incontrarmi tutti questi russi anche su suolo nazionale!

Si riparte e arrivo a Bolzano; trovare la stazione non è difficile, così come l’inbarco per i veicoli al seguito: basta seguire le indicazioni!

D0103

DB Autozug Bolzano – Imbarco veicoli al seguito

Sistemo i bagagli, tiro fuori i biglietti e vado al check-in.
Mi assegnano un foglio di carta con scritto “Hamburg” da appendere sul cupolino della moto, appena esco una signora mi chiama per portare la moto sulla rampa.
Ed è così che in pochi minuti la moto è pronta legata sul vagone!

Moto caricata sul treno, e ora dobbiamo inspiegabilmente aspettare “solo” due ore perchè questi sia pronto a partire.
Ne approfitto per fare uno spuntino e andare avanti con la lettura della mia guida, mentre guardo intorno lo spettacolo di turisti pronti a partire insieme a me per il Nord della Germania: Tedeschi, Danesi, Svedesi, con le loro targhe tutte diverse e i loro capelli biondissimi!
Non ci sono molte moto: ricordo chiaramente due Harley targate italiane, un paio di Ducati Monster tedesche e una meno recente Tiger 1050 targata Svezia.

Finalmente arriva il nostro vagone, e facciamo in tempo a salire prima che inizi a diluviare!
Ogni cuccetta è da 5 persone, e scopro che la mia è piena: sono in compagnia di due italiani, diretti anche loro a Nordkapp (un Bresciano e un Bergamasco di poche parole, proprietari delle due Harley menzionate prima… Pensate che, nonostante il tempo passato insieme, non so nemmeno come si chiamino!) e due tedeschi di rientro a casa dopo le ferie in Italia.

Il treno parte puntualissimo alle 21:00 circa e vado subito a cena per potermi poi mettere comodo nella cuccetta.

L’idea di prendere il treno è stata un po’ combattuta, ma alla fine sono soddisfatto della mia scelta, in quanto avrò modo di evitare molta strada di quella noiosa senza fatica, permettendomi così poi di poter godere delle strade Scandinave!
Il vagone ristorante è più piccolo di quello che mi immaginavo, forse memore di qualche film degli anni ’70/’80, ma comunque confortevole per una cenetta veloce.
La birra costa quasi meno dell’acqua, e unita ad un piatto di salsicciotti e insalata spendo 10.50€: pensavo peggio!

Riempita la panza sono pronto a sistemarmi nella cuccetta: riesco ad ottenere quella più in alto, essendo il primo arrivato nello scompartimento, in modo da non essere disturbato durante la notte (ho paura sarà difficile dormire…) e ne approfitto per leggere un altro po’.

D0105

Relax in cuccetta

Ed è così che, in men che non si dica, cala l’abbiocco, forse aiutato dalle dolci vibrazioni del treno, e mi addormento… Sono circa le 22…
Mi sveglierò solo 11 ore dopo, tra lo stupore dei miei compagni di cuccetta che invece non sono riusciti a chiudere occhio!
Ecco finalmente un aspetto positivo del dormire spesso in aereo!

Continua: Nordkapp 2013: Day 2 – Sono già in Svezia!

————————
Riepilogo – Day 1 – 13 Luglio 2013
Distanza percorsa: 442 km
Rifornimenti: 47.80€ (media 1.69 €/lt)
Pedaggi: 4.00 €

D0100

Viaggio in moto a Capo Nord
Mappa – Day 01

Comments

comments